sino al XVIII secolo il termine stampa era sinonimo di incisione perché per poter creare più copie di un’immagine era necessaria una matrice incisa a mano con incavi e rilievi. e questo era l’unico modo.
poi venne inventata la litografia, una tecnica che permetteva di stampare utilizzando delle matrici piane e via via la tecnologia si è poi evoluta sino alle macchine, ai computer e alle stampanti 3D.

oggi la parola stampa non basta più a definire la tecnica o il processo usato e quando ci riferiamo a quella prima forma d’arte per distinguerla da tutti gli altri procedimenti meccanici e fotomeccanici, oltre al termine incisione, si utilizzano le espressioni stampa d’arte o stampa originale.

per spiegare cosa sia una stampa originale d’arte trascrivo un estratto dello statuto adottato dal III congresso internazionale delle arti plastiche di vienna, settembre 1960, il quale espressamente prescrive:

1- è di esclusivo diritto dell’artista incisore fissare il numero delle copie da stampare di ogni sua opera grafica, eseguita nelle diverse tecniche: acquaforte, litografia, xilografia ecc.
2- ogni stampa per essere considerata autentica deve portare non soltanto la firma dell’artista ma anche l’indicazione del numero totale di tiratura (ossia il numero totale degli esemplari stampati n.d.a.) e del numero progressivo di stampa. l’artista, volendo, può anche annotare se lui stesso ha provveduto alla tiratura dell’opera.
3- è consigliabile, a tiratura ultimata, che la matrice (pietra, metallo, legno ecc.) venga biffata (resa inutilizzabile sbarrandola con uno o più segni incrociati, profondamente incisi n.d.a) o cancellata, o che almeno porti un segno chiaramente distinguibile che ne denunci l’avvenuta tiratura.
4- i principi qua sopra enunciati si applicano esclusivamente alle opere originali, cioè a quelle opere derivate da una matrice direttamente incisa dall’artista. le opere che non soddisfano questa condizione devono essere considerate RIPRODUZIONI.

ogni DEDSHIRTs è di fatto una stampa d’arte originale (e non una riproduzione) certificata dal cartellino esterno che ne accompagna ogni esemplare e sul quale, oltre al pittogramma del mietitore stampato in rilievo, vengono riportate a matita il numero progressivo di stampa e la tiratura, il nome della serie, il mese e l’anno di produzione e la firma autografa dell’artista.
non è assolutamente un’etichetta ma un vero e proprio certificato di autenticità.

spesso, prima della tiratura definitiva, l’artista esegue delle stampe di prova per verificare la bontà della matrice, della carta, degli inchiostri ecc. e valutare così il risultato finale. le prove molto spesso si differenziano per alcuni particolari dalla tiratura definitiva e si possono considerare degli esemplari particolari e unici.
ecco perché abbiamo creato una nuova sezione del sito web denominata STAMPE, nella quale potrete trovare anche tutte le prove delle serie DEDSHIRTs.