CHI SIAMO

le DEDSHIRTs seguono le influenze, gli ideali, la filosofia e gli sbalzi umorali del suo creatore andrea pes che nel 2009 decise di dar vita ad una linea di magliette che riuscisse a soddisfare i suoi particolari canoni di bellezza.

gli diede il nome DEDSHIRTs perché DED ha lo stesso suono della parola DEAD senza però essere così scontata e ricavò da questa le fattezze di un mietitore vintage, che a suo dire, attingeva dai ricordi di un vecchio adesivo con le lettere STP sul paraurti della fiat 500 abarth del padre.

ogni collezione o serie di magliette è sempre stata caratterizzata da una propria illustrazione originale, ideata e realizzata ad hoc, che attinge da cultura popolare, morte, street art, punk rock, decadenza, tatuaggi, creatività irriverente, teschi, disagio sociale, splatter, codici miniati e simbologia criminale realizzata con uno stile grunge, sporco e trasandato che ha nel nero il suo colore dominante.

dalla stampa delle prime 100 DEDSHIRTs nel 2010 il progetto si è evoluto radicalmente, abbandonando la stampa serigrafica e il computer per la manualità e l’artigianato. oggi, ogni illustrazione viene incisa manualmente su una matrice (di legno o linoleum) che inchiostrata è usata poi come un timbro, imprimendo il disegno sul tessuto, proprio come avveniva nel 1500.

la stampa manuale conferisce all’illustrazione un effetto logoro, consumato che insieme alla filosofia del nero crea lo stile vintage-grunge delle DEDSHIRTs.

ogni esemplare è unico e originale, rifinito con cura artigiana per confezionare piccole tirature numerate di altissima qualità, nelle quali ogni apparente imperfezione contribuisce a renderlo irripetibile.
non sappiamo se esista qualcosa di simile o un nome per tutto questo, ma noi gli abbiamo dedicato una parola nuova: DEDSHIRTs.